Come e quanto irrigare un prato appena seminato

Sapere come e quanto irrigare un prato appena seminato è la chiave per farlo crescere sano e forte. Per questo, abbiamo creato una guida con tutto quello devi sapere.

Data di pubblicazione: 31 agosto 2021

5 minuti

Indice dei contenuti

Avete impiegato tempo, denaro e sforzi per seminare il vostro prato con erba nuova. Tra tutte le cose da fare dopo la semina, rimane un problema. Come e quanto va irrigato un prato appena seminato?

Un corretto programma di irrigazione può facilmente trasformare un prato appena seminato nell’erba verde e rigogliosa che avete sempre desiderato. Innaffiare i nuovi semi d’erba è un processo semplice che richiede un piccolissimo investimento di tempo e pazienza.

Oltre a questo, per farlo crescere in modo sano e rigoglioso, è importante sapere sia quando concimarlo che quando tagliarlo dopo la semina.

Quando innaffiare il prato appena seminato

Non si può rispondere a questa domanda in termini assoluti poichè ci sono diversi fattori che determinano quando innaffiare il prato appena seminato. Tuttavia, si possono seguire delle indicazioni che sono dettate specialmente dal meteo ed in particolare dall’umidità e dalla quantità di pioggia caduta nel corso di una determinata giornata. In generale, è bene non innaffiare il prato se ha piovuto abbondantemente, o per diversi giorni di fila, così come non è bene concimarlo. Un’indicazione da seguire per capire se è necessario bagnare il prato è misurare la quantità d’acqua assorbita dal suolo, come scoprirai tra poco.

Per aiutarti a capire meglio quando innaffiare il prato, un ottimo metodo sarebbe acquistare una stazione meteo da giardino o domestica: le migliori le abbiamo selezionate, testate e recensite in questo articolo. Questi strumenti ti permetteranno di ottenere delle previsioni più accurate, perchè saranno determinate sulla base di dove deciderai di posizionarle: in questo modo, sarà più semplice capire la situazione metereologica di casa tua, evitando molti degli errori grossolani forniti dai più noti siti di previsioni meteo.

Quanto spesso irrigare il prato appena seminato

Prima di seminare i nuovi semi d’erba è importante iniziare con l’irrigazione. La natura ha progettato i semi per rispondere all’umidità, quindi innaffiare correttamente il prato è necessario per dare il via al processo di germinazione, che si traduce in una futura crescita sana per il nuovo manto erboso.

1. Alcuni giorni prima di piantare i semi, innaffia l’area di semina fino ad una profondità di 12-15 centimetri.

Misurare la profondità di penetrazione dell’acqua è facile. Si può inserire un lungo cacciavite nel terreno, e se si riesce a conficcarlo fino ad una profondità di 12-15 centimetri senza dover esercitare troppa pressione, o senza che il terreno opponga molta resistenza, allora si ha raggiunto la saturazione dell’acqua corretta.

2. Innaffia i nuovi semi di erba per 5-10 minuti subito dopo averli piantati per inumidire delicatamente i primi centimetri di terreno.

D’ora in poi si dovrà mantenere umida l’area di semina. Se i semi vengono lasciati seccare non potranno germinare, e gli sforzi saranno stati vani.

3. La frequenza con cui irrigare il prato dipende anche dalla quantità di pioggia dei giorni successivi alla semina.

Se non piove, innaffiate il prato due volte al giorno fino a quando i primi 4-5 centimetri di terreno non sono ben umidi, in modo da favorire la crescita dei nuovi semi d’erba. Un’irrigazione non corretta, tra l’altro, è una delle cause principali dell’ingiallimento del prato, come spiegato qui.

Ovviamente, quanto spesso irrigare il prato appena seminato dipende anche dal tipo dei semi d’erba, oltre che dal periodo di semina. Presta attenzione alle indicazioni fornite sulla confezione che hai acquistato, ma ricordati anche di seguire con accortezza questi consigli.

Telegram channel

Unisciti ora al canale offerte di Giardinaggio Green!

Il momento migliore per irrigare il prato appena seminato

Gli orari migliori per innaffiare il prato seminato da poco sono la mattina e la sera. Questi sono infatti i momenti della giornata più freschi e permettono all’acqua di essere assorbita correttamente dal terreno anzichè evaporare per via del caldo. Un impianto di irrigazione automatico può semplificare questo compito, così che si possa innaffiare facilmente ed efficacemente il prato appena seminato senza dover prestare particolari attenzione tutti i giorni.

Come innaffiare un prato appena seminato - irrigatori

Per quanto tempo irrigare il prato appena seminato

Per quanto tempo innaffiare i semi di erba nuova dipende dalle condizioni del terreno e dalla configurazione dell’irrigatore. In generale, dieci minuti di irrigazione per sessione, una mattutina ed una serale come visto prima, forniranno l’acqua necessaria per mantenere umidi i primi centimetri di terreno.

Man mano che l’erba del vostro prato cresce e fiorisce, potrete innaffiare più a fondo e meno frequentemente: questo incoraggerà le radici dell’erba a estendersi in profondità nel terreno. Quando irrigate il prato, aumentate gradualmente le sessioni di innaffiatura mattutine nel corso del tempo e diminuite quelle serali.

Alla fine, innaffierete il vostro prato tra le 6 e le 10 del mattino, a seconda della stagione, quando il tempo è ancora fresco. Un prato ben consolidato richiede in genere circa 3 centimetri d’acqua a settimana, comprese le piogge.

Quanto tempo impiega un prato appena seminato a crescere?

Quanto tempo impiega il vostro prato appena seminato per iniziare a crescere dipende da diversi fattori: clima, regione e tipo di erba piantata. Ci possono volere dai 3 ai 28 giorni perché i nuovi semi d’erba comincino a crescere.

Un prato curato non solo è bello, ma fornisce anche un posto per voi e la vostra famiglia per giocare, rilassarsi e divertirsi. Un programma idrico coerente per l’irrigazione del prato è la chiave per assicurarsi di farlo crescere verde, sano e rigoglioso.

Condividi l'articolo!

Post correlati: