Concimi biologici fai da te

Non è necessario comprare fertilizzanti costosi: spesso in casa si può trovare tutto l'occorrente per creare degli ottimi concimi biologici fai da te.

Data di pubblicazione: 27 aprile 2022

4 minuti

Indice dei contenuti

Vuoi fare del bene alle tue piante ma non vuoi spendere troppi soldi in fertilizzanti? In questo articolo troverai diverse ricette di fertilizzanti biologici fatti in casa per orto o giardino da provare. Sono realizzate con ingredienti che probabilmente hai già a portata di mano, comprese alcune cose che potresti avere l’abitudine di buttare via. Leggi attentamente queste indicazioni per determinare se un particolare fertilizzante è adatto alle tue esigenze; per esempio, alcuni fertilizzanti fatti in casa non dovrebbero essere usati su terreni acidi, mentre altri non dovrebbero essere usati su terreni alcalini.

Scegli la ricetta del fertilizzante fatto in casa più adatto alle tue esigenze e segui le istruzioni per determinare di quali di questi ingredienti avrai bisogno per creare il tuo concime biologico fai da te per l’orto e le piante.

Ritagli d’erba

Se hai un prato coltivato in modo biologico, assicurati di conservare l’erba tagliata per usarla nel tuo giardino o per il tuo orto. L’erba tagliata è un ottimo pacciame che blocca le erbacce, ed è anche ricco di azoto, che è un nutriente essenziale per la maggior parte delle piante.

Inoltre, in questo modo, potrai disfarti dei ritagli del prato in modo ottimale: è uno dei tanti metodi intelligenti per smaltire l’erba tagliata.

Fondi di caffè

Fodera una teglia per biscotti con carta di giornale. Stendi i tuoi fondi di caffè usati sul foglio e lasciali asciugare completamente. Cospargi i fondi intorno alla base delle tue piante acidofile.

Questo funziona perché i fondi di caffè sono ricchi di azoto, magnesio e potassio, tutti nutrienti importanti per le piante utilizzati all’interno dei classici concimi NPK. Sono anche naturalmente acidi, quindi possono aiutarti ad aumentare l’acidità del terreno. Azalee, rose, rododendri e mirtilli sono solo alcune delle piante che beneficeranno di questo concime biologico fai da te. Usalo al posto del fertilizzante per le rose e degli acidificanti per il terreno.

Gusci d’uovo

Conserva i gusci d’uovo e lasciali asciugare all’aria. Metti i gusci secchi in un frullatore e frulla fino ad ottenere una polvere fine. Cospargi la polvere di gusci intorno alle piante del tuo giardino.

Questo funziona bene perché i gusci d’uovo sono composti quasi interamente da carbonato di calcio, l’ingrediente principale della calce agricola. Usalo al posto della calce in giardino.

Acqua dell’acquario

Conserva semplicemente l’acqua dell’acquario dei pesci la prossima volta che lo pulisci. Usala generosamente e spesso per innaffiare le piante: la adoreranno!

Questo metodo, seppure non convenzionale, funziona eccellentemente perché l’acqua presente negli acquari domestici è ricca di azoto e di altre sostanze nutritive di cui le piante hanno bisogno per prosperare. Questo concime biologico fai da te può essere utilizzato al posto di qualsiasi altro tipo di fertilizzante NPK.

Cenere

Raccogli la cenere del camino dopo che si è raffreddata. Cospargi queste ceneri di camino fresche e rigorosamente mai calde sulle aiuole del tuo giardino e lavorale nel terreno. La cenere del camino è ricca di potassio e carbonato di calcio.

Se il tuo terreno è troppo acido, questo concime biologico casalingo ti aiuterà a bilanciare il pH del suolo, così che le tue piante saranno in grado di assorbire meglio le sostanze nutritive presenti nel terreno. Usala al posto del fertilizzante di base per il giardino e della calce da giardino, facendo però attenzione a non usarne troppa.

Scarti organici di cucina

Composta i tuoi scarti di cibo ed utilizzali come concime biologico fai da te per il tuo giardino. Il compost rilascia le sostanze nutritive lentamente, il che significa che un giardino ben compostato può durare molto tempo senza richiedere la riapplicazione di fertilizzanti.

Il compost inoltre aiuta il terreno a trattenere l’umidità, il che è essenziale perché gli orti prosperino durante le estati calde e secche.

Aceto

Combina 1 cucchiaio di aceto bianco ed un cucchiaio di acqua di rubinetto. Usa questa soluzione per innaffiare le tue piante. Ogni tre mesi, ripeti l’operazione.

Questo metodo funziona perché l’acido acetico contenuto nell’aceto aumenta l’acidità del suolo, proprio quello che serve per le piante acidofile. Usalo al posto del fertilizzante per piante d’appartamento, del concime specifico per le rose e degli acidificanti per il terreno. Presta però attenzione: questo fertilizzante biologico fai da te non è adatto a tutti i tipi di piante.

Sale di Epsom

Sciogli 1 cucchiaio di sale di Epsom in 3,5 litri di acqua. Agita bene la soluzione e usala per innaffiare le tue piante. Innaffiale con questa soluzione una volta al mese durante la stagione di crescita.

Questo concime casalingo funziona perché il sale di Epsom è composto da magnesio e solfato, entrambi nutrienti vitali per le piante. Alcune piante che amano il magnesio sono le comuni piante d’appartamento, oltre che le rose, i peperoni, i pomodori e le patate. Usate questo concime biologico al posto del fertilizzante per le rose, del fertilizzante per le verdure o del fertilizzante per le piante d’appartamento.

Erbacce

Proprio come i ritagli d’erba, molte delle erbacce che trovi nel tuo giardino sono molto ricche di azoto e costituiscono un ottimo fertilizzante. Il problema è che, una volta che togli le erbacce, certamente non vorrai rimetterle nel giardino perché i semi germoglieranno e creeranno ulteriori erbacce.

La soluzione? Fare il tè alle erbacce. Per farlo, riempi un quarto di un secchio da 15 litri con le erbacce che hai tirato e raccolto. Poi riempi il resto del secchio con acqua e lascia le erbacce in ammollo per una settimana o due. Una volta che l’acqua diventa color marrone, versa questa soluzione ricca di sostanze nutritive sulle piante che desideri fertilizzare.

Condividi l'articolo!

Post correlati: